Il rifugio “Isera”, all’Orecchiella, in Garfagnana, a 1209 m di quota nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, è situato nel comune di Villa Collemandina (LU) ed è di proprietà della Comunità Montana della Garfagnana (posto tappa trekking e centro residenziale per la didattica ambientale).

Ubicato in una zona ad alta vocazione naturalistico-ambientale, l’Isera è una struttura importante per l’escursionismo durante tutto il corso dell’anno e per le attività alpinistiche invernali in Appennino. L’altissimo pregio degli ambienti naturali attorno al rifugio ha provocato un fatto del tutto insolito in Italia: già da alcuni decenni la zona viene indicata comunemente come “Parco dell’Orecchiella” pur non essendolo affatto a termine di legge. Tutto questo è avvenuto spontaneamente per la bellezza ed integrità delle montagne circostanti, per il valore dei paesaggi, la ricchezza di boschi e soprattutto per l’abbondante fauna selvatica presente.

classicaRecentemente, con l’istituzione del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, si è arrivati finalmente ad avere una corretta forma giuridica che avrà il compito principale di tutelare questa parte di Appennino ma, anche, di favorire la nascita di un turismo responsabile rispettoso delle bellezze naturali e, contemporaneamente, motore di sviluppo sostenibile per le popolazioni che sulla montagna devono vivere. Il rifugio è situato sul versante ovest della Pania di Corfino, sotto le pareti calcaree, in una radura pianeggiante di poco meno di un ettaro circondata da una faggeta ad alto fusto.

L’edificio è una piccola costruzione in pietra locale, a due piani, con due corpi appaiati e tetti scuri e spioventi, perfettamente integrata nell’ambiente.

Il grande prato attorno al rifugio, recintato, può essere utilizzato come area di sosta attrezzata per tende o area di gioco per bambini e ragazzi, di relax per gli adulti.

L’accesso all’Isera dal Centro Visitatori del Parco dell’Orecchiella è lungo il sentiero Airone 1, con un  percorso a piedi di circa 15 minuti. La strada sterrata forestale di servizio all’Orto Botanico Pania di Corfino permette, comunque, di arrivare nell’immediate vicinanze del rifugio anche in auto (parcheggio prima della catena che chiude l’accesso all’Orto Botanico) poi 5 minuti a piedi.

Il rifugio ha una camerata a 18 posti, con letti a castello, ma, per i gruppi più numerosi, è possibile anche la sistemazione in tenda nella circostante area di sosta attrezzata.

Una sala da pranzo con circa quaranta posti e, nel prato, diversi tavoli all’aperto, permettono di gustare i piatti tipici della cucina garfagnina a base di prodotti assolutamente genuini e tradizionali, forniti direttamente da una rete di aziende agricole locali.

La sala da pranzo, o il prato durante l’estate, diventano anche aula didattica grazie alle attrezzature multimediali per visionare filmati e diapositive, o, se preferite lo spettacolo della natura dal vivo, si possono osservare le stelle, ascoltare l’ululato dei lupi, spiare i cervi o il volo delle aquile.